Epidemiologia

Alcuni dati epidemiologici sull'ictus

In Italia l’ictus è la terza causa di morte dopo le malattie cardiovascolari e le neoplasie, causando il 10%-12% di tutti i decessi per anno, e rappresenta la principale causa d’invalidità.
Ogni anno si verificano nel nostro paese circa 196.000 ictus (dati estrapolati dalla popolazione del 2001), di cui l’80% sono nuovi episodi (157.000) e il 20% recidive, che colpiscono soggetti già precedentemente affetti (39.000).
Ad un anno dall’evento acuto, un terzo circa dei soggetti sopravvissuti presenta un grado di disabilità elevato, che li rende totalmente dipendenti.
L’ictus ischemico (da trombosi o da embolo) rappresenta la forma più frequente di ictus (80% circa), mentre le emorragie intraparenchimali riguardano il 15%-20% e le emorragie subaracnoidee circa il 3%.
La mortalità acuta (30 giorni) dopo ictus è pari a circa il 20%-25% mentre quella ad 1 anno ammonta al 30%-40% circa; le emorragie (parenchimali) hanno tassi di mortalità precoce più alta (30%-40% circa dopo la prima settimana; 45%-50% ad 1 mese).




Associazione Ictus Pordneone
CF 91041210930

Policy, Privacy, Cookies
By Explico.biz

Si riceve su appuntamento
Telefono: +39 0434 454420
Mobile: +39 338 3090005
ictuspnonlus@gmail.com

Via San Quirino, 5
33170 Pordenone